itinerario-visitare-livorno-un-giorno

Livorno si visita in un giorno: itinerario completo per non perdersi niente

Livorno, verace località di mare che si affaccia sulla costa toscana, è ricca di mete ed attrazioni che ogni turista che vi passi non può non visitare. Livorno si visita in un giorno, in questa guida vi illustriamo l’itinerario completo per non perdersi niente.

Il simbolo della città, la Statua dei Quattro Mori

Cominciando questo itinerario per la città di Livorno, non si potrà non soffermarsi a visitare la Statua dei Quattro Mori, il monumento simbolo della vittoria di Ferdinando I de’Medici sugli spregiudicati invasori, i pirati saraceni.
La statua è considerata il vero simbolo della città ed è teatro di una curiosa leggenda. Vedere tutti e quattro i nasi dei Mori, situati alla base di Ferdinando I, si dice porti fortuna.

Inoltre, proprio di recente è stata installata una mattonella, di color bianco brillante, dalla quale si potrà vedere appunto tutti e quattro i nasi. Ovviamente la mattonella non viene segnalata, quindi il gioco si fa più interessante.

Il quartiere Venezia

Un pittoresco rione bagnato da canali e fossi navigabili: il quartiere Venezia. Subito dopo colazione, una passeggiata tra questi splendidi vicoli è d’obbligo, per arrivare alla Chiesa di Santa Caterina, caratteristica per la sua pianta ottagonale e una cupola alta ben 50 metri “tappezzata” di affreschi ottocenteschi, o almeno quello che ne rimane.
Lungo i canali, sarà possibile effettuare delle escursioni in barca, un giro turistico suggestivo tra ponti e passaggi segreti, che arriva fin sotto le piazze cittadine.

Sapori livornesi

Proseguendo questa giornata alla visita di Livorno, sicuramente la fame comincerà a farsi sentire. Una tappa all’Antica Friggitoria; situata in Via del Cardinale, ordinare una bustina di scagliozzi è assolutamente d’obbligo. Da visitare anche il Mercato delle Vettovaglie, al coperto, situato all’interno di un edificio di fine ‘800 la cui progettazione fu a carico dell’architetto Angiolo Badaloni.

Una bella passeggiata cercando i negozi che espongono spezie e legumi in sacchi di juta, sarà sicuramente piacevole, senza dimenticarsi di alzare gli occhi al cielo per ammirare le capriate metalliche degli splendidi soffitti.

Da ricordare, inoltre, che al mercato esiste la possibilità di acquistare del pesce freschissimo consegnato direttamente dalle imbarcazioni provenienti dal mare che risalgono navigando i canali.

La Madonna di Montenero ed il suo santuario

Prima di arrivare, o ritornare, al mare, sarà d’obbligo una tappa in collina, nella zona di Montenero, piccolo quartiere sviluppatosi su un promontorio che sovrasta la città, ma che soprattutto custodisce un tesoro molto prezioso: Il Santuario, dedicato alla Madonna di Montenero. Si parla di un luogo di fede, di raccoglimento sia per i Livornesi che per i turisti. Ciò che caratterizza questo santuario è la presenza, all’interno di corridoi aperti al pubblico, di migliaia di ex-voto, cioè dei quadri votivi di svariate dimensioni che sono stati donati, sia da livornesi che non, per rendere omaggio e tributo alla Madonna di Montenero come ringraziamento dell’essere stati risparmiati dalle burrasche in mare e dai suoi temibili incidenti. La passeggiata non potrà non avvenire leggendo le storie di queste persone, in silenzio meditativo, per poi concludersi all’esterno, dove si potrà ammirare Livorno, in tutto il suo splendore, dai molteplici punti panoramici che si affacciano sulla costa e sulla città.

La romantica Terrazza Mascagni

Tornando verso il mare, si potrà raggiungere il luogo probabilmente più celebre e conosciuto di tutta la città, la Terrazza Mascagni, un belvedere davvero spettacolare che fa da cornice alla costa frastagliata. Da qui si potrà in realtà intraprendere la passeggiata che porterà si cancelli super sorvegliati dell’Accademia Navale, situata a fianco della Chiesa di San Jacopo, oppure alla Scalinata di Antignano e ai dintorni, sempre molto romantici e suggestivi.
Nel caso si fosse di passaggio a Livorno nella bella stagione, un tuffo rigenerante nelle cale di scogli del Romito è assolutamente consigliato. Perfette nella stagione estiva, spettacolo mozzafiato in quella invernale.

Altre idee per visitare Livorno

Ovviamente quelle elencate sono solo alcune delle tappe possibili per visitare la città di Livorno, che se è pur vero si possa visitare in un giorno, è altrettanto vero che in un sol giorno si dovrà necessariamente tralasciare qualcosa, magari per una seconda visita. Ad esempio, merita sicuramente l‘Acquario di Livorno, oppure la Fortezza Vecchia, vicino al porto di Livorno, che seppur non visitabile, è comunque consigliato recarsi per vederla.

Altro luogo meritevole di considerazione, è la Fortezza Nuova, a un km da quella vecchia, con un bellissimo parco. Anche in questo caso purtroppo la si potrà solo ammirare senza visitarla dall’interno. Ci sono poi il Duomo, la casa di Modigliani e moltissimi altri posti che si potranno inserire nell’itinerario, ma ovviamente un giorno non sarà più sufficiente.

Come raggiungere Livorno

La città di Livorno è raggiungibile praticamente in qualsiasi maniera, via mare, via terra e via cielo.
A livello di grandi raccordi stradali, Livorno è raggiunta dalla Autostrada A12, oppure dalla E80.
In merito ai collegamenti ferroviari, raggiungere Livorno è semplicissimo, perché la città si trova sulla direttrice Roma Genova con collegamenti molto frequenti in entrambe le direzioni.

Via aerea invece, l’aeroporto più vicino a Livorno è quello di Pisa, il Galileo Galilei, dove con una navetta si potrà raggiungere la stazione di Pisa Centrale, per poi raggiungere Livorno in treno. Stesso medesimo discorso se si provenisse dall’aeroporto di Firenze, dove il collegamento in treno dura circa un’ora e mezza. Non volendo optare per i treni, o spostandosi in gruppo e volendo risparmiare per raggiungere Livorno, si può affittare un minivan in aeroporto su https://www.pisaairporttransfers-italy.com.

Infine, per quanto riguarda i collegamenti via mare, a Livorno fermano moltissimi traghetti nonché navi da crociera provenienti da Olbia, Palermo, Barcellona e moltissime altre località.

 

Written by

Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *